Business & Finance

Husserl e il recupero genetico della mereologia (traduzione dell'articolo di Laurent van Eynde)

Description
Husserl e il recupero genetico della mereologia (traduzione dell'articolo di Laurent van Eynde)
Published
of 19
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Share
Transcript
  Husserl e il recupero genetico della mereologia . di Laurent van Eynde ( Tijdschrift voor Filosofie , 61/1999, p. 297-327   !n uno studio relativa"ente recente, #ocelyn $enoist introduceva il suo assunto con %ueste rig&e audaci' ridare il loro colore agli oggetti, %uesto potre))e essere, sc&e"atica"ente riassunto, il progetto d ogni *eno"enologia, trascendentale o "eno, con risultati d+altronde pi o "eno validi i . uesta a**er"aione si *onda di certo sull+analisi della teoria del tutto e delle parti sviluppata da Husserl nella  III Ricerca Logica ii . 0ale mereologia  svela in e**etti una legalit inerente alla "aterialit stessa del contenuto colto nell+atto intenionale, indipendente"ente dalla "odalit della intenionalit. Husserl "ette in luce cos un a  priori oggettivo "ateriale c&e s+i"pone alla rappresentaione e induce a prendere in consideraione la "ateria dell+oggetto nella sua costituione co"e condiione stessa della sua oggettivit. Le relaioni di dipendena e indipendena strutturano l+oggettivit nella sua concretea  e, tra le relaioni di dipendena a priori, Husserl  pre*erisce trattenersi in particolar "odo sull+ese"pio del colore e della super*icie, cosa %uesta c&e spiega i""ediata"ente la *or"ula di #ocelyn $enoist. 4a ridare il loro colore agli oggetti deve di certo intendersi nel senso pi generale della ria)ilitaione dell+a priori sintetico "ateriale, cos co"e %uesta si i"pone sia all+e"piria stessa c&e al giudiio  tesi pertanto diretta sia contro l+e"piris"o nel senso pi stretto, sia contro il 5antis"o. ra, c&e %ui sia in gioco un aspetto  pretta"ente *eno"enologico,  attestato dal *atto c&e l+interesse di Husserl per %uesta te"atica  piuttosto vecc&io. 8e))ene la %uestione della "ereologia sia appena intravista in  Filosofia dell'Aritmetica , tra"ite l+evocaione dei momenti figurali , vi si  pro*ila co"un%ue l+esigena di una analisi appro*ondita c&e con*er"eranno in seguito i lavori del 19: ovvero sia negli Studi psicologici per la logica elementare , sia in occasione della pole"ica con ;asi"ir 0<ardo<s5i sullo statuto da accordare ai cosiddetti o  ggetti intenzionali . !n tal "odo la  III Ricerca Logica  appare co"e ter"ine di una serie gi lunga di ri*lessioni. = dire il vero, le  Ricerche Logiche , sviluppando %uesto capitolo "ereologico, rendono giustiia ad una %uestione c&e assilla l+ani"o di Husserl da %uando %uesto   pervenuto alla distinione tra concreta  e abstracta , tra gli abstracta  "ateriali e gli abstracta  *or"ali. >a %uesto "o"ento tutta la ri*lessione di Husserl si articola attorno alla distinione dei due a priori, "ateriale e *or"ale, i %uali elevano a legge il  polo oggettivo della intenionalit. 4a, nel "o"ento in cui la presa in consideraione dei due a priori oggettivi viene co"piuta innanitutto sullo s*ondo di una  preoccupaione costante di una loro articolaione, i  Prolegomeni  del 19?? nel loro s*oro di *ondaione della logica co"e sciena intera"ente teorica, porranno una )en netta distinione verticale tra l+a priori sintetico "ateriale e l+a priori analitico *or"ale, c&e la distinione trasversale tra l+a priori del polo soggettivo e l+a priori oggettivo *or"ale se")ra non *ar altro c&e ri"arcare ancora di pi, a tal punto c&e essa pare andar di pari passo con il disinteresse per l+altro a priori oggettivo. @on sena stupore pertanto scopria"o %uesto studio dell+a priori sintetico "ateriale, il  %uale costituisce la  III Ricerca Logica   co"e se ad essere in gioco *osse una se"plice contropartita ontologica alla consideraione "olto pi a"pia e siste"atica dell+a priori *or"ale in rapporto alla signi*icaione. ra, se il te"a del polo oggettivo della intenionalit deve essere co"preso sulla  )ase della pro)le"atiaione della distinione verticale dei due a priori, non si puA non ri"anere interdetti per il rie"ergere della %uestione "ereologica "olto pi  posterior"ente in seno all+itinerario &usserliano, dopo c&e i igag del suo pensiero l+avevano condotto a porre l+accento or"ai sull+a priori soggettivo, a spese di %uell+idealis"o trascendentale c&e gli  stato, e gli  ancora a volte, ri"proverato. !noltre il recupero della teoria del tutto e della parti se")ra ac%uistare ancora un po+  pi di peso in *ora della sua iscriione nella prospettiva genetica, cos rilevante, a  partire da  Logica Formale e Trascendentale iii  e  editazioni !artesiane iv , per la nuova *ondaione della logica dal punto di vista della sua genealogia. Bos la "ereologia riappare in una prospettiva genetica nel testo "esso a punto da Landgre)e, e noto col titolo di  "sperienza e #iudizio , e %uesto anc&e sulla )ase di %uestioni si"ili a %uelle a**rontate in  Lezioni sulla Sintesi Passiva$  ual  allora la portata e il senso di %uesto recupero, dal "o"ento c&e la distinione verticale tra i due a priori oggettivi non puA  pi essere studiata sul "odello delle CL, "a piuttosto soltanto nella prospettiva di %uesta tensione nuova c&e do"ina il tratta"ento del polo soggettivo dell+intenionalit a partire da  Ideen    II  , e cio la tensione genealogica e teleologica tra la natura e la storiaD !   La  III Ricerca Logica  &a per vocaione di sottolineare la distinione tra ciA c&e essa a**ronta, a seguito della seconda, co"e due tipi di a priori, il doppio a priori c&e struttura, secondo "odalit d+apprensione di**erenti, l+e"piria del concretum colto nell+atto intenionale. 0ale i"presa  essenial"ente portata a co"pi"ento dal pri"o capitolo della tera ricerca. !l tratta"ento c&e Husserl riserva allora alla di**erena tra contenuti indipendenti e dipendenti per"ette di portare un certo nu"ero di  precisaioni esseniali su ciA c&e sono i "o"enti astratti e i *ra""enti concreti dell+oggetto individuale. uesta di**erena nel rapporto delle parti al tutto i"plica la  presa in consideraione di una legalit inerente alla "aterialit stessa dell+oggetto cos co"e %uesto si d. ! rapporti di dipendena si i"pongono alla cosciena, la %uale non &a altra scelta c&e accordarvisi, incapace co"e  di pensare un ordine altro delle cose "ateriali'  si tratta di di**erene intrinsec&e, c&e si *ondano nell+essena pura delle cose, "a c&e   poic& sussistono e ci sono note  ci costringono ad asserire c&e un pensiero c&e prescinda da esse  i"possi)ile ovvero c&e  assurdo un giudiio c&e non ne tenga conto. BiA c&e noi non possia"o pensare, non puA essere, ciA c&e non puA essere noi non lo possia"o  pensare v .  Fertanto )isogna riconoscere c&e, al di l di una "aggiore precisione concettuale, non apprendia"o %ualcosa di pi sui contenuti concreti indipendenti e sui contenuti astratti non autono"i rispetto a ciA c&e sapeva"o gi dai testi del 19: o in relaione alla *ine della seconda ricerca. La "ereologia della  III Ricerca Logica   rilevante dun%ue "eno per lo s*oro c&e essa consacra all+analisi al dettaglio dei contenuto  concreti e astratti c&e per il suo tentativo di speci*icare %uesta legalit sintetica, distinguendola %uindi dalla necessit analitica, la cui "essa in c&iaro  il *ine stesso dell+opera del 19?1. !n tal "odo Husserl insiste da su)ito sullo statuto ideale della legalit "ateriale. @on si tratta evidente"ente d+una incapacit soggettiva a non- potersi-rappresentare altri"enti, "a d+una necessit ideale oggettiva a non-poter-essere altri"enti vi . G presente una necessit d+essena c&e attesta l+aione di una legge sui "o"enti indipendenti ogni volta individuali e, nella loro esistena individuale di *atto, per altro contingenti. Husserl insiste cos sulla l+a priorit della legge "ereologica "ateriale, c&e egli oppone alla contingena, "a anc&e alle leggi e alle regole e"piric&e delle sciene della natura. @el caso della legge pura d+essena dell+a priorit "ateriale non deve essere i"plicata alcuna posiione d+esistena e"pirica nella cosciena generale della legge, co"e nel caso delle regole e delle leggi e"piric&e generali vii . La legalit "ereologica presenta certo un a priori "ateriale  essena pura nella "aterialit dell+oggetto. La de*iniione della parte dipendente co"e non-poter-esistere-per-s, discende allora dalla sorgente' c+ una legge d+essena in )ase alla %uale l+esistena di un contenuto della specie pura di %uesta  parte IJ presuppone assoluta"ente l+esistena di contenuti di certe specie corrispondenti viii . 4a Husserl non puA *er"arsi %ui. Egli &a sta)ilito un a priori in rapporto alla contingena dell+oggettivit concreta individuale e, in "odo accessorio, in rapporto alla legalit e"pirica delle leggi della natura. Egli &a in tal "odo preparato l+accesso a una struttura ontologica deter"inante per l+attivit stessa della cosciena nella sua relaione trasversale all+oggetto colto intenional"ente. !l paragra*o 11 della  III  Ricerca Logica  pone una distinione *orse ancora pi i"portante, rilevando   la di**erena tra %ueste leggi "ateriali e le leggi *or"ali o analitic&e iK . Husserl si appoggia innanitutto sulla di**erena i""ediata tra concetti "ateriali e *or"ali c&e  presentano un carattere *onda"ental"ente di**erente. !n e**etti i concetti di %ualc&e cosa, d+oggetto, di %ualit, di relaione, di connessione, di pluralit si raggruppano attorno all+idea vuota di %ualc&e cosa o di oggetto in generale e sono in rapporto all+oggetto in generale co"e assio"i ontologici *or"ali. >i contro, i concetti co"e casa, al)ero, colore i"plicano una di"ensione concreta in )ase alla %uale essi si ordinano attorno a grandi categorie "ateriali  categorie "ateriali nelle %uali si radicano le ontologie "ateriali. B+ %ui, sottolinea Husserl, una divisione cardinale tra il *or"ale e il "ateriale c&e spinge a tener conto di %uesta a")ivalena ontologica della generalit tra l+a priori analitico *or"ale e l+a priori sintetico "ateriale. Husserl  propone una de*iniione in due te"pi di %uesta a")ivalena ontologica, "irando ancora una volta a separare i due a priori in "aniera  principiale % $  @el paragra*o 11 una *or"a di priorit se")ra essere concessa all+a priori sintetico "ateriale, nella "isura in cui la sua de*iniione riceve la *or"a pi positiva. Le leggi dell+a priori "ateriale in e**etti includono, inversa"ente rispetto alla necessit *or"ale, un contenuto concreto. La "ereologia, in %uanto legalit "ateriale, in %uanto organiaione di dipendena, appare inso""a pi ricca rispetto alle se"pliciM leggi *or"ali. !l contenuto concreto "ateriale *a la ricc&ea della legge. 0uttavia  i"possi)ile disinteressarsi dell+a priori *or"ale  dal "o"ento c&e la stessa "ereologia puA prendere un aspetto *or"ale. !n e**etti, se la dipendena  "ateriale puA espri"ersi con l+ese"pio di un contenuto concreto co"e un colore non puA esistere sena un estensione c&e sia ricoperta d+esso, lo stesso rapporto "ereologico puA espri"ersi %uesta volta sena un contenuto "ateriale concreto, attraverso la proposiione *or"ale' un tutto non puA esistere sena parti. L+a priori *or"ale riceve allora un pri"o tentativo di de*iniione positiva, secondo uno dei sc&e"i classici di de*iniione dell+analitica, %uello del truismo ' ter"ini correlativi si  postulano l+un l+altro reciproca"ente e non possono essere pensati n esistere l+uno sena l+altro K . 0uttavia, il ri*eri"ento a %uesto tipo di de*iniione &a unica"ente una *unione didattica o propedeutica, dal "o"ento c&e essa rende pi avverti)ile la di**erena tra il valore analitico della proposiione un tutto non puA esistere sena  partiM e la proposiione di dipendena non un colore sena estensioneM, tanto  vero c&e il concetto di colore non include analitica"ente l+estensione, cos co"e "aterial"ente  cio dal punto di vista del contenuto concreto  il colore non puA "ai essere pensato sena l+estensione. 0uttavia  c&iaro c&e %uesta apparena di de*iniione positiva dell+analitica *or"ale non puA ancora )ilanciare la ricc&ea del contenuto concreto "ateriale nella de*iniione del sintetico, la %uale "ostra un reale rapporto di dipendena. uesta  pri"a de*iniione, tra"ite il truis"o %uindi, dall+analitica *or"ale i""ette a una seconda de*iniione c&e se")ra voler rovesciare il rapporto dei due a priori, %uasi per eguagliarli "eglio, con*erendo %uesta volta una *or"a positiva all+analitica *or"ale e una *or"a negativa al sintetico "ateriale. @el paragra*o 12 in e**etti, se Husserl ric&ia"a dappri"a l+essena del contenuto concreto "ateriale nella *or"aione della legalit *or"ale,  innanitutto per costatarvi anc&e una indipendena nei con*ronti sia della legalit del concreto "ateriale sia della *atticit individuale. La s*era dell+analitica appare allora non co"e luogo di indigena, "a d+indipendena  in rapporto al radica"ento e alla dipendena c&e caratteriano il sintetico "ateriale. 4a la de*iniione principale non sopraggiunge c&e in seguito' le proposiioni analitica"ente necessarie sono de*inite co"e proposiioni c&e possono  formalizzarsi completamente e concepirsi co"e casi particolari o applicaioni e"piric&e delle leggi *or"ali o analitic&e risultanti legitti"a"ente da %uesta *or"aliaione Ki . BiA c&e dun%ue de*inisce una legge *or"ale  la varia)ilit delle "aterie concrete  l dove invece la legalit "ateriale  ridotta a *issit. E Husserl c&iarisce cos %uesto nuovo contrastato approdo'  !n una proposiione analitica deve essere possi)ile sostituire ogni "ateria "antenendo  piena"ente la *or"a logica della proposiione, con la *or"a vuota &ualcosa e "ettere da  parte ogni proposiione esisteniale passando alla *or"a giudicativa corrispondente,  provvista di una generalit incondiionata ovvero del carattere di legge Kii .  0ale li)era variaione, %uesta sorta di sradica"ento della legge *or"ale analitica, %uale, per ese"pio, un tutto non puA esistere sena partiM, s+oppone alla necessit "ateriale delle dipendene "ereologic&e, la %uale non puA supportare, essa sola, una tale *or"aliaione. >a %ui allora la nuova de*iniione, %uesta volta via negativa della necessit sintetica'  gni legge pura, c&e includa i concetti "ateriali in "odo tale da non consentire la loro *or"aliaione salva veritate (in altri ter"ini, ogni legge c&e non  una necessit analitica   una legge sintetica a priori Kiii .  !l rovescia"ento del rapporto di de*iniione tra i due a priori genera e%uili)rio tra di essi. @on v+ in e**etti progresso dell+approccio siste"atico nella transiione dal par 1 al par 2. Le de*iniioni, pri"a tra"ite il contenuto concreto "ateriale poi "ediante la varia)ilit, si corrispondono stretta"ente   proprio il contenuto "ateriale c&e puA variare o "eno ed  la variaione stessa c&e puA o "eno vertere sul contenuto "ateriale. ! due paragra*i aprono in*atti all+e%uili)rio della distinione   %uesto evidente"ente lo stru"ento pi sicuro per operare una distinione stretta, cardinale, la %uale per di pi non "inaccia nessun a))oo di rapporto gerarc&ico. !n una delle notaioni conclusive del par 12, Husserl insiste d+altronde sulla *inalit della ricerca, allorc& sottolinea c&e un pri"o passo  stato *atto verso una di**ereniaione siste"atica tra le ontologie a priori. 8i deve essere pertanto inclini a credere c&e %uesto pri"o capitolo della  III Ricerca Logica  raggiunga in tal "odo il suo scopo  pro*ondo. !n ter"ini di leggi ontologic&e si  spinti a credere c&e l+oggettivit si divide per cos dire in due "ondi  %uello del contenuto "ateriale e %uello della li)ert *or"ale (li)ert in relaione ai contenuti, s+intende. Husserl rincara'  BiA c&e %ui si  detto dovre))e )astare per rendere visi)ile la di**erena esseniale tra leggi c&e si *ondano nella natura speci*ica dei contenuti e a cui si ricollegano i casi di non-indipendena, e le leggi analitic&e e *or"ali c&e, *ondandosi pura"ente nelle categorie *or"ali, sono indi**erenti a %ualsiasi "ateria della conoscena. Kiv   >ue "ondi ontologici si *ronteggiano nel cuore stesso del polo oggettivo dell+intenionalit. Nno  de*inito co"e s*era delle *usioni, delle dipendene, l+altro co"e s*era della li)era associaione c&e  sottoposta unica"ente alla legge di varia)ilit o *or"aliaione. La di**erena cardinale si situa %uindi tra un+a priorit c&e  %uella dell+intra-appartenena e un+a priorit c&e  %uella del li)ero *or"alis"o. B&e vi sia in de*initiva la possi)ilit di sviluppare tutta una teoria analitica pura invece dell+enunciaione di una legalit pura, all+occorrena "ereologica,  ciA c&e "ostra nel secondo capitolo l+a"pio studio (a cui %uesto capitolo  intera"ente dedicato della teoria della *or"e pure degli interi e delle parti. 0ale secondo capitolo con*er"a innanitutto c&e la  III Ricerca Logica  non aveva co"e solo *ine di sviluppare una "ereologia "ateriale autono"a, "a piuttosto d+organiare il con*ronto dei due tipi di a priori oggettivi, lasciando intendere inoltre c&e se non puA esservi %uestione di sta)ilire una gerarc&ia tra %uesti due tipi di a priori,  co"un%ue sena du))io necessario in%uadrare il valore teleologico del ruolo giocato dal secondo a priori nella costituione dell+oggettivit. Citornere"o su %uesto ruolo teleologico alla *ine della nostra analisi dei passaggi "ereologici di  "sperienza e #iudizio , "a gi da ora possia"o notare c&e la teleologia della cosciena, tra"ite cui essa tende e si orienta verso la *or"aione di categorie li)ere, concetti e leggi, non  potr signi*icare una cancellaione dell+a priori "ateriale, "a tutt+al pi c&iarire l+intenionalit nel senso pro*ondo del suo rapporto, cos co"e l+esperiena concreta, con %uesta legalit "ateriale. !n ogni caso  evidente c&e la distinione dei due a  priori costituisce un lascito non trascura)ile della  III Ricerca Logica  per tutto l+itinerario *eno"enologico ulteriore. Fertanto sia"o autoriati a pensare c&e la  preoccupaione d+articolaione c&e ani"ava i testi precedenti non sia a**atto spenta,
Search
Similar documents
View more...
Tags
Related Search
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x